Utilizzo di manodopera non in regola, omicidio colposo e violazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro. Sono i reati per cui è stato denunciato il datore di lavoro di un bracciante che lavorava in nero e morto probabilmente per il caldo torrido mentre raccoglieva meloni sotto una serra. L’uomo, 55 anni, italiano, ha avuto un malore ed è deceduto subito dopo. La vittima si trovava in una azienda agricola all’estrema periferia di Giugliano, in provincia di Napoli. Il fatto è accaduto mercoledì scorso ma se ne è avuta notizia solo oggi.

La salma del bracciante è stata trasferita all’Istituto di medicina legale dell’università “Federico II”, dove sarà eseguito l’autopsia. Le indagini sono condotte dai carabinieri della caserma di Varcaturo, coordinati dal maresciallo Procolo Petrungaro. I militari dell’Arma insieme a quelli del nucleo dell’ispettorato del lavoro, hanno sanzionato l’imprenditore agricolo anche per irregolarità relative alla norme igienico-sanitarie.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, da lunedì via a fase 2: 704mila beneficiari convocati dai centri per l’impiego per cominciare la ricerca di lavoro

prev
Articolo Successivo

Dl Imprese, Whirlpool: “Decreto insufficiente per ‘salvare’ Napoli. L’unica soluzione è nuova missione produttiva per il sito”

next