Brad Pitt è sempre Brad Pitt. Ma guai a dire che è ancora un sex symbol (nonostante lo sia, eccome): “Quando mi dicono che sono ancora un sex symbol, scuoto la testa e svicolo“, ha detto in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. È lui la vera star del Festival del Cinema di Venezia. Anzi, la vera stella, per restare nell’ambito del film che presenta, Ad Astra. Dal regista James Gray, storia di un astronauta che va nello spazio in cerca del padre, astronauta anche lui, disperso. “È stata la mia più grande sfida come attore: tirar fuori emozioni, solo, nello spazio, senza una vita affettiva. E poi sul set, in tuta, me ne stavo lì a penzolare dai fili, sospeso a dieci metri da terra”, ha raccontato l’attore. Anche se il viaggio più avventuroso della sua vita è stato quando “da ragazzo ho lasciato il Missouri e sono andato a Los Angeles con 2-300 dollari in tasca, senza conoscere nessuno, senza la minima idea di quello che avrei fatto. Sono un miracolato che ha vinto la Lotteria, e resto un istintivo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francesco Zampaglione, arrestato per rapina il fratello di Federico dei Tiromancino

prev
Articolo Successivo

Donna colpita da arresto cardiaco sul treno, un medico romano la salva dopo 40 minuti di massaggio cardiaco

next