Opel porterà al prossimo Salone dell’auto di Francoforte l’ultima generazione della Corsa, la bestseller della casa di Rüsselsheim, che ha nell’Italia (rigorosamente dopo Germania e Gran Bretagna) uno dei suoi mercati di punta. Dal 1982 ad oggi le Opel Corsa vendute nel nostro paese sono state 1,6 milioni, e 800 mila di queste sono ancora su strada.

La due volumi è cambiata sia nell’estetica che nell’equipaggiamento tecnologico, più ricco soprattutto per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida, di serie già sull’allestimento base. Ma la vera novità che porta con sé la sesta generazione della Corsa è la sua variante in “-e”, ovvero elettrica.

Grazie alla piattaforma modulare CMP (Common Modular Platform), Opel è riuscita a conferire una doppia anima al modello: infatti, insieme alle motorizzazioni tradizionali a diesel e benzina, sarà proposta anche quella con motore elettrico e autonomia dichiarata di 330 km. Il propulsore da 100 kW (136 Cv) di potenza sprigiona una coppia massima di 260 Nm istantanea ed è alimentato da una batteria di 50kW.

La nuova Corsa, lunga 4,06 metri, ha un’aria ancora più sportiva, con il tetto abbassato di 48 millimetri che strizza l’occhio alle linee di una coupè, la posizione di seduta più bassa anche questa, rispetto alla versione precedente, e un’aerodinamica che ora segna un coefficiente di 0,29, unico per la categoria. Anche il baricentro è stato abbassato a favore di dinamicità, il passo allungato e il peso alleggerito (appena 1.000 chili).

Quanto alle motorizzazioni endotermiche, con cui Corsa arriverà nelle concessionarie già da novembre, sono disponibili il 1.2 benzina e 1.5 diesel con potenze da 75 a 130 Cv; per la Corsa elettrica, invece, bisognerà attendere fino a marzo 2020. Approfittando delle offerte di lancio previste fino al 30 settembre, i prezzi hanno una base di partenza di 12.300 euro per la versione 1.2 benzina con allestimento Edition, mentre la Corsa-e è proposta con il noleggio a lungo termine e un canone mensile da 279 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercedes GLE Coupé, ecco la nuova generazione del suv sportivo tedesco – FOTO

next
Articolo Successivo

Nissan Juke, svelata la seconda generazione del suv compatto giapponese – FOTO

next