“L’ambiente non è uno slogan e nemmeno un like ai posti di Greta Thunberg. E allora diciamo che chiudiamo le centrali a carbone entro il 2025, no a nuovi inceneritori e via alla dismissione degli esistenti. Infine, stop alle trivellazioni petrolifere in mare”. Dopo le consultazione col presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte, il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, ha affrontato il tema della difesa dell’ambiente, che dovrà essere centrale nell’eventuale governo guidato da 5 stelle e Pd. Nel documento composto da 20 punti presentato a Conte, il terzo è proprio sul Green New Deal.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crisi di governo, il documento in 20 punti presentato da Luigi Di Maio al premier Conte

next
Articolo Successivo

Decreto Ilva e rider, il testo inviato dal Mise a Chigi e agli altri ministeri: “Comunicare le osservazioni entro le 13 di lunedì”

next