I dati Inps sui primi sei mesi del 2019 confermano il trend positivo dei contratti di lavoro stabiliche era già emerso a gennaio e febbraio – ovvero dopo l’entrata in vigore del decreto Dignità anche per rinnovi e proroghe. Da gennaio a giugno il saldo netto dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato segna un aumento di 321.805 contratti, registrando così un incremento del 150,7% rispetto allo stesso periodo del 2018. Prosegue anche il boom delle trasformazioni da tempo determinato a indeterminato, passate da 231.866 a 372.016 (+60,4% rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno). Sono i dati che emergono dall’Osservatorio sul precariato dell’Istituto.

La variazione netta dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato è la somma di assunzioni più trasformazioni, a cui poi vengono sottratte le cessazioni che sono in diminuzione, per quel che riguarda i contratti stabili, nel confronto anno su anno: 787mila rispetto a 800mila. Tornando alle assunzioni, invece, l’Inps rileva che rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente la crescita ha riguardato i contratti a tempo indeterminato, i contratti di apprendistato, stagionali e intermittenti, mentre risultano in diminuzione i contratti a tempo determinato e quelli in somministrazione. In totale i nuovi contratti di lavoro sono stati 3.726.334, in calo rispetto ai 4 milioni dei primi sei mesi del 2018, segno delle difficoltà dell’economia certificate dallo stesso Inps. Anche il saldo netto totale è in negativo di 100mila contratti.

In particolare, nei primi mesi del 2019 ci sono state 198mila assunzioni a termine in meno rispetto al primo semestre 2018. Contemporaneamente ci sono state 43mila assunzione a tempo indeterminato in più, oltre a un aumento di 140mila trasformazioni da determinato a stabile. Sono calati poi gli apprendistato e soprattutto i rapporti in somministrazione: -60mila. L’Inps segnala infine che nei primi sei mesi del 2019, risulta agevolato circa il 22% del totale dei nuovi rapporti a tempo indeterminato, di cui 52mila dovuti all’esonero strutturale giovani under 35 introdotto dal governo Gentiloni e prorogato dalla legge di stabilità 2018.

L’Osservatorio sulla precarietà confronta anche la variazioni delle posizioni di lavoro rispetto a 12 mesi fa. Il saldo tra assunzioni e cessazioni annualizzato risulta positivo e pari a +271mila. “Si conferma l’inversione di tendenza tra l’andamento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato e quello dei rapporti a tempo determinato”, scrive l’Inps. In particolare, mentre il saldo annualizzato dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato è passato da –48mila (giugno 2018) a +343mila (giugno 2019), quello dei rapporti a tempo determinato è passato da +284mila a -195mila. Il lavoro occasionale resta invece pressoché stabile nel confronto con 14 mesi fa e si attesta a giugno di quest’anno intorno alle 20mila unità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lavoro, a luglio autorizzato il 33,5% in più di ore di cassa integrazione. Boom della cig straordinaria: +50,2% anno su anno

prev
Articolo Successivo

Lavoro, a luglio 18mila occupati in meno: primo calo dopo cinque mesi. Giù i dipendenti stabili. Disoccupazione risale al 9,9%

next