È proseguito anche a febbraio il trend positivo per i contratti di lavoro stabili, che era già emerso dai dati Inps su novembre e dicembre 2018 – dopo l’entrata in vigore del decreto Dignità anche per rinnovi e proroghe – e si è molto rafforzato a gennaio. Il nuovo Osservatorio sul precariato dell’istituto di previdenza mostra che nei primi due mesi del 2019 la variazione netta dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato (cioè le assunzioni più le trasformazioni e meno le cessazioni) risulta positiva per 208.560 contratti, in aumento del 119% sui primi due mesi del 2018. Si conferma il boom delle trasformazioni a tempo indeterminato da rapporti a termine, passate dalle 90.148 del primo bimestre 2018 a 164.223 (+82%). “Sostanzialmente stabili”, scrive l’Inps, le conferme di rapporti di apprendistato giunte alla conclusione del periodo formativo (-1,1%).

Nei primi due mesi le assunzioni totali dei datori di lavoro privati sono state 1.064.000 con un calo del 12,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In crescita anche in questo caso contratti a tempo indeterminato (+6,5%), ma anche quelli di lavoro intermittente (+7,3%). In diminuzione invece i contratti di somministrazione (-36,9%) e i contratti a tempo determinato (-15%).

Le cessazioni nel complesso sono state 792.000, in diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2018: la riduzione ha riguardato le cessazioni di contratti in somministrazione, di rapporti a termine e di rapporti a tempo indeterminato. In crescita sono invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente e di contratti in apprendistato.

Nei mesi di gennaio-febbraio 2019 sono stati incentivati 23.105 rapporti di lavoro con i benefici previsti dall’esonero contributivo triennale strutturale per le attivazioni di contratti a tempo indeterminato di giovani fino a 35 anni. Rispetto allo stesso periodo del 2018 si registra una crescita del 12,7%. In particolare 11.382 sono riferiti ad assunzioni e 11.723 relativi a trasformazioni a tempo indeterminato. Il numero dei rapporti incentivati è pari al 5,3% del totale dei rapporti a tempo indeterminato attivati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, “oggi prime card con l’accredito”. Fino all’8 maggio le candidature degli aspiranti navigator

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, tra i beneficiari anche un ex brigatista rosso condannato per la strage di via Fani

next