A giugno il fatturato dell’industria ha segnato un calo dello 0,5% rispetto al mese precedente e dello 0,8% rispetto al giugno 2018. In calo anche gli ordinativi che registrano a giugno un calo congiunturale sia su base mensile (-0,9%) sia nel complesso del secondo trimestre (-0,4%). Questa la sintesi dei dati pubblicati oggi dall’Istat. Nel confronto con il fatturato del mese precedente, rileva l’istituto, “il calo è diffuso a tutti i principali raggruppamenti di industrie, risultando particolarmente marcato per il comparto dell’energia“. Il dato finale è la sintesi di una flessione del mercato interno (-1,2%) e di un modesto aumento di quello estero (+0,5%). Nel secondo trimestre l’indice complessivo è diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente.

Il calo congiunturale del fatturato è diffuso con intensità diverse a tutti i raggruppamenti principali di industrie: -0,2% per i beni strumentali, -0,4% per i beni di consumo, -0,8% per i beni intermedi e -2,8% per l’energia. Con riferimento al comparto manifatturiero, le industrie tessili e quelle dei mezzi di trasporto registrano la crescita tendenziale del fatturato più rilevante (+4,1%), mentre l’industria farmaceutica mostra il calo maggiore (-12,6%).

Il calo degli ordinativi dell’industria In calo anche gli ordinativi dell’industria italiana, che registrano a giugno un calo congiunturale sia su base mensile (-0,9%) sia nel complesso del secondo trimestre (-0,4%). Su base annua, il dato grezzo evidenzia un calo del 4,8% rispetto al giugno 2018. La flessione tendenziale, precisa l’Istat, è la peggiore dal luglio 2016 (-9,2%). Il calo congiunturale, spiega l’Istat, riflette la contenuta crescita delle commesse provenienti dal mercato interno (+1,1%) e la marcata diminuzione di quelle dall’estero (-3,8%).

In termini tendenziali, si registrano diminuzioni degli ordinativi su entrambi i mercati, ma di entità notevolmente diversa: -1,8% quello interno e -9,1% quello estero. Al contrario, la maggiore crescita tendenziale si registra nelle industrie dei mezzi di trasporto (+5,1%), mentre il peggior risultato si rileva nell’industria farmaceutica (-16,2%).

Male il settore auto Il settore vede una flessione sia nel fatturato che negli ordinativi. A giugno il fatturato del settore cala su base annua del 6,3% (-7,8% sul mercato interno e -3,3% su quello estero) mentre gli ordinativi scendono del 15,9% (-18% sul mercato interno e -12,4% su quello estero). Complessivamente, nel primo semestre del 2019 il fatturato dell’auto diminuisce dell’11% e gli ordinativi del cadono del 14%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dexit: e se fosse la Germania a uscire dall’euro?

next
Articolo Successivo

Ferrovie, le regioni ‘autonomiste’ perseguono la via del monopolio Fs

next