“Son d’accordo che servano qualità e competenze nella formazione del nuovo esecutivo, ma il governo che abbiamo avuto alle spalle non sempre ha brillato per qualità e competenza”. Ospite della Festa nazionale dell’Unità di Ravenna, il segretario della Cgil Maurizio Landini, che già alcuni giorni fa aveva parlato positivamente di Conte, valuta “positivamente” la convocazione del premier al Quirinale: “Per me un governo di svolta dovrà cambiare le politiche sbagliate fatte sul mondo del lavoro, come il Jobs Act che ha peggiorato le condizioni dei lavoratori. Il sindacato non ha governi amici, ma ha due discrimini: deve essere antifascista e antirazzista

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, militanti alla Festa Pd di Ravenna: “Intesa con M5s? Fino a qualche settimana fa sarebbe stata fantascienza. Ora priorità a lavoro”

next
Articolo Successivo

Governo, Orlando: “Sarebbe un bel segnale se al Pd andasse il ministero del Lavoro”

next