“Non è compito del sindacato discutere di nomi“, ma Giuseppe Conte “in Parlamento ha dimostrato coraggio politico e profilo istituzionale importante” quando “ha messo il Paese nella condizione di sapere con trasparenza le ragioni della crisi e i problemi da affrontare”. E ha avuto il merito di “riaprire i tavoli con le parti sociali“. Mentre tra Pd e M5s continuano le trattative sul nome del presidente del Consiglio di un eventuale futuro governo giallorosso, il segretario della Cgil Maurizio Landini fa il suo endorsement per il premier dimissionario.

Intervistato dal Corriere della Sera, il sindacalista sottolinea che “stiamo in una democrazia parlamentare e lo stesso presidente della Repubblica ha ricordato che si vota ogni 5 anni”. Quanto alla possibilità di una riedizione del governo gialloverde a cui Matteo Salvini ha deciso di porre fine, Landini si chiede “dopo 4 mesi di litigi feroci, dopo una crisi in pieno agosto che mette a rischio i conti pubblici e blocca molte misure attese da lavoratori sull’orlo del licenziamento, che serietà potrebbe avere un simile governo, nato solo per difendere potere e poltrone”.

La posizione del sindacato, quindi, è che serve una svolta. Soprattutto sul programma, aspetto che Conte stesso ha definito “più importante dei nomi”. “Quello che serve”, per la Cgil, “è un governo in grado di combattere le diseguaglianze, l’impoverimento economico e sociale, che rimetta al centro un nuovo modello di sviluppo, riformi la P.a. rilanciando i diritti fondamentali del e nel lavoro, puntando sull’economia della conoscenza, sulla salute e sul rispetto dell’ambiente. Inoltre, un nuovo governo avrebbe bisogno di ricostruire un rapporto vero con le parti sociali“, come Conte aveva iniziato a fare. “L’idea della disintermediazione“, chiosa l’ex leader della Fiom, “si è dimostrata foriera di errori e di allontanamento tra la politica e i cittadini”.

Al di là del colore politico, in generale “la Cgil preferisce che ci sia un governo che cambi le politiche di questi anni, e non mi riferisco solo al governo Conte ma anche ai precedenti. Del resto, sono queste le ragioni sulle quali abbiamo costruito con Cisl e Uil una piattaforma unitaria e l’abbiamo sostenuta nelle piazze”. Il contesto internazionale, secondo Landini, è propizio: “Ora in Europa c’è l’occasione di cambiare le politiche di austerità. Siamo in una congiuntura sfavorevole e anche la Germania, come la Francia, ha bisogno di politiche espansive. L’Italia potrebbe giocare un ruolo importante e sarebbe un errore strategico non cogliere questa opportunità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giuseppe Conte, perché il nome del premier blocca la trattativa: la trincea M5s e le resistenze del Pd (Zingaretti e Gentiloni in testa)

next
Articolo Successivo

Sondaggi, Lega perde 5 punti. Crescono M5s e Pd. Governo giallorosso: lo vuole il 62% degli elettori dem e il 43 dei 5 stelle

next