Un ragazzino sarebbe morto folgorato mentre stava caricando il cellulare in un fast food. È successo in Cina, a Nanchang, la capitale della provincia del Jiangxi. La vittima è un 13enne che, secondo quanto riportato da Jiangxi Net Tv, stava utilizzando un cavo non originale per ricaricare il suo smartphone Huawei. Secondo quanto dichiarato dalla sorella, i medici lo hanno dichiarato mortoper shock” dopo aver provato a rianimarlo per più di due ore.

Come si vede nelle immagini pubblicate dalla CCTV e girate dalle telecamere di sicurezza, il ragazzo, che nel video indossa una maglietta verde fluo, identificato con il cognome di Liu, stava cenando con un compagno di classe in un ristorante che serve pollo fritto, quando, tenendo il telefono collegato a una presa a muro, ha sobbalzato improvvisamente, diventando rigido, colpito molto probabilmente da una scossa elettrica. Immediatamente portato in ospedale, per lui non c’è stato niente da fare. I medici, oltre ad accertare il decesso per shock, hanno trovato su viso e corpo dell’adolescente segni di bruciatura.

Ora le autorità locali hanno aperto un’indagine sulla morte del 13enne. L’ipotesi è che la colpa possa essere della presa stessa, e quindi del ristorante, e non del cavo che poi ha continuato a funzionare regolarmente. Il fast food è stato chiuso per un paio di giorni e ha poi riaperto regolarmente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donald Trump: “Gli uragani. Perché non usiamo una testata nucleare?”

next
Articolo Successivo

Apre la porta sbagliata, preme un pulsante e manda in tilt l’aeroporto di Monaco: 130 voli cancellati

next