“La prima vittima della sigaretta elettronica”: così le autorità sanitarie statunitensi hanno definito la morte di un uomo a causa di una malattia respiratoria legata all’uso dello svapo. Il fatto è avvenuto nello stato dell’Illinois: lo ha reso noto il dipartimento di Sanità pubblica dello Stato, secondo quanto riporta Sky News. L’identità di questa persona, che aveva tra 17 e 38 anni, e la data del decesso non sono state comunicate.

Il paziente avrebbe manifestato sintomi pressoché identici a quelli di altre 193 persone che vivono in 22 diversi Stati: stanchezza cronica, difficoltà a respirare, perdita di peso e oppressione al petto. La cosa che accomuna queste persone è proprio l’uso dello svapo, non solo per fumare tabacco ma anche cannabinoidi. Secondo Ileana Arias, responsabile del controllo sulle malattie non infettive al Centro nazionale per il controllo e la prevenzione delle malattie, “non è chiaro se le condizioni di questi pazienti dipendano da una causa comune, o se siano malattie diverse che presentano sintomi simili”.

Se il legame tra uso di sigaretta elettronica e decesso del paziente dovesse trovare conferma nelle indagini svolte in questo momento, sarebbe il primo caso al mondo: “Non sono, e questo si sa già, un aerosol privo di rischi”, ha detto Brian King, portavoce del Cdc, aggiungendo di aver dato il via a un’indagine. “Gli scienziati hanno già identificato una varietà di ingredienti nocivi nelle e-cigarettes, dal piombo ad alcuni aromi artificiali che sono tossici. Ora è allo studio se sia uno fra questi ingredienti ad avere scatenato questa che pare un’epidemia“, ha aggiunto ancora King. “Questa tragica morte in Illinois rafforza i seri rischi associati ai prodotti di sigarette elettroniche”, ha detto Robert Redfield direttore del Cdc. Intanto Gregory Conley, presidente dell’American Vaping Association ha detto alla Bbc”fiducioso” sugli esiti della vicenda perché le malattie potrebbero essere causate da sostanze contenenti cannabis o altre droghe sintetiche, e non nicotina contenuta nei dei classici liquidi per “svapare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lecca il barattolo di gelato preso dal frigo del supermercato e lo rimette al suo posto: non è la prima volta che accade

next
Articolo Successivo

A otto anni ruba l’auto dei suoi e si “lancia” in autostrada. La prima volta riesce a fermarsi in una piazzola ma la seconda le cose non vanno bene

next