Continua a bruciare Gran Canaria. Dopo l’incendio divampato sabato pomeriggio, il secondo nell’arco di una settimana, sono oltre 8000 le persone evacuate. Non si registrano vittime, ma le fiamme, secondo le informazioni diffuse dal quotidiano spagnolo El Pais, hanno già raso al suolo 3400 ettari di vegetazione. Circa 600 le persone al lavoro, tra vigili del fuoco, militari e volontari, che stanno cercando di spegnere l’incendio con l’aiuto di nove elicotteri e due aerei.

Il fronte principale dell’incendio si trova nel parco naturale di Tamadaba, una vasta zona che si estende per 7500 ettari all’interno di un’area dichiarata dall’Unesco “Riserva della Biosfera”. Gli evacuati vengono da 40 villaggi tutti della zona di Valleseco. Colpita anche la zona turistica di Cruz de Tejeda, sito di montagna famoso per i suoi panorami.

L’operazione di spegnimento non sarà semplice. L’incendio infatti è “estremamente violento” e al momento non è “né circoscritto, né stabilizzato né sotto controllo”. Per questo, come ha reso noto la scorsa notte il presidente delle Canarie, Angel Victor Torres, sarà difficile domare i roghi nelle prossime ore. Le autorità, inoltre, hanno dichiarato che ci sono forti possibilità che le fiamme si estendano, mentre sull’isola la temperatura sfiora i 40 gradi, con forti venti e scarsa umidità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Egitto, l’Onu co-organizza una conferenza sulla tortura. Sì, proprio al Cairo

next
Articolo Successivo

Gran Canaria, spaventoso incendio sta divorando l’isola da tre giorni. Le immagini

next