È mistero su un annuncio che riguarda la vendita della famosa villa di Milo, in provincia di Catania, di Franco Battiato. Ad aprile, infatti, era apparso su un sito specializzato in immobili la disponibilità di una grande villa di 800mq dotata di tutti i comfort dalla piscina alla palestra e con una vista mozzafiato. Subito è stata identificata come la dimora del cantautore: Villa Grazia. Battiato cantò la sua casa nel brano “Giubbe Rosse” del 1989: “Abito in una casa di collina e userò la macchina tre volte al mese. Con 2000 lire di benzina scendo giù in paese. Quante lucertole attraversano la strada, vanno veloci ed io più piano ad evitarle. Quanti giardini di aranci e limoni, balconi traboccanti di gerani”.

Il fratello Michele però ha specificato, come riporta La Repubblica, che si è trattato di un grande equivoco e che la casa non è più in vendita. Una retromarcia pare anche mossa dalle tensioni scaturite alla notizia tra il comitato fondato in nome dell’artista “Milo e Franco Battiato” e la famiglia stessa. Del maestro non si fanno ancora notizie in merito alle evoluzioni sulle delicate condizioni di salute. Le ultime parole risalgono allo scorso marzo, in occasione dell’uscita del vinile per il 20esimo anniversario di “Fleurs – Esempi Affini di Scritture e Simili”.

“A chi mi chiede della mia salute dico che il peggio è passato – sono state le parole di Battiato, riportate in un comunicato stampa -. Ora va molto meglio, sono tornato a mio agio con la pittura e talvolta mi siedo al pianoforte. Oggi sto lavorando ad un brano nuovo”. E in effetti a ottobre dovrebbe arrivare il nuovo album, come riferisce il sito RagusaNews, che sarà pubblicato a cura dei familiari del cantautore. Nel disco le esecuzioni dal vivo registrate con la “Royal Philharmonic Concert Orchestra” di Londra e ci sarà un inedito intitolato “Torneremo ancora”, che risale al 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lo spot per il mercato asiatico è imbarazzante, ironia social contro Cristiano Ronaldo

prev
Articolo Successivo

Morto Giulio Chierchini, addio allo storico disegnatore di Topolino: aveva 91 anni

next