Un sequestro di persona è stato sventato a Torino dalla polizia. Agenti della Squadra volanti hanno bloccato dopo un lungo inseguimento un furgone in corso Vinzaglio su cui, insieme a tre uomini di nazionalità straniera, si trovava una donna legata con delle fascette. A dare l’allarme, secondo le prime informazioni, sono stati alcuni passanti da piazza San Carlo che avevano assistito alla scena intorno alle 11.

Secondo i primi accertamenti della mobile, dietro il tentativo di sequestro c’è una storia di recupero crediti che parte dalla Germania. Tutti e tre gli arrestati, infatti, sono di nazionalità tedesca e due fanno parte di un’agenzia di investigazioni. In stato di fermo, insieme ai tre rapitori, anche una quarta persona, loro connazionale. La squadra Mobile però continua a indagare.

Secondo quanto riporta La Stampa gli uomini, che erano a bordo di mezzo nero e con i vetri oscurati, avevano il volto coperto. Secondo una prima ricostruzione con lei c’era un uomo che si sarebbe divincolato riuscendo a fuggire. “Sono arrivati con un furgone nero in contromano. La signora, sulla cinquantina, era a passeggio. È stata presa e caricata su un furgone. Urlava” racconta all’Ansa Saverio Moffa, dipendente di una gelateria che ha assistito al blitz. La scena si è svolta all’angolo tra piazza Cln (Comitato di liberazione nazionale) e via Giolitti. “La donna – dice il testimone – si è messa a urlare mentre il suo accompagnatore è scappato. L’uomo che l’ha presa sembrava un buttafuori. Aveva il volto coperto da un passamontagna”.

La vittima del sequestro è una cittadina serbo-australiana di 35 anni. Il compagno, che era con lei ed era riuscito a fuggire, non sarebbe ancora stato individuato. Ancora da definire l’esatta dinamica della vicenda. Secondo una prima ricostruzione, uno degli arrestati – un tedesco che si occupava di cambio valute guadagnando il 20% su ogni operazione – avrebbe subito una truffa a Milano lo scorso giugno: ha consegnato 50mila euro ottenendo in contropartita delle banconote poi risultate fasulle. L’uomo, però, non ha sporto denuncia, decidendo di tornare in Germania e far svolgere le indagini da investigatori privati. Individuati i presunti autori del raggiro, i tre avrebbero organizzato un incontro-trappola, sbagliando però il loro “bersaglio”. Il gruppo sarebbe arrivato a Torino passando per Aosta, dove ha rubato la targa utilizzata per compiere il tentativo di sequestro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brindisi, pestato per relazione con moglie di un detenuto: arrestati mamma e figli

next
Articolo Successivo

Messina, spara e uccide zio e nipote per una lite per il parcheggio: arrestato dopo la fuga

next