Hanno aggredito un ragazzo con calci, pugni e schiaffi al volto, usando anche un bastone, perché aveva una relazione sentimentale con la moglie di un loro parente, attualmente in carcere. È accaduto a Brindisi, dove tre persone sono state arrestate dalla Polizia con l’accusa di tentato omicidio aggravato da premeditazione, motivi futili e dall’aver agito con crudeltà. Alla vittima dell’aggressione, un giovane brindisino, era stata anche rubata la macchina.

Quella messa in atto dalle tre persone arrestate, Vito e Giuseppe Cavaliere e Annunziata Antonicelli, i figli e la madre del detenuto, secondo gli investigatori è stata una vera e propria spedizione punitiva, organizzata in ambiente familiare dopo aver scoperto la donna in compagnia del ragazzo e portata a termine nella notte del 3 agosto scorso. I due figli sono ora in carcere, mentre la madre è ai domiciliari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, ambulante preso a sassate da un gruppo di giovani in centro: è in gravi condizioni

prev
Articolo Successivo

Torino, donna sequestrata in pieno centro e liberata dagli agenti. Fermati quattro tedeschi: il movente è una storia di recupero crediti

next