Hanno aggredito un ragazzo con calci, pugni e schiaffi al volto, usando anche un bastone, perché aveva una relazione sentimentale con la moglie di un loro parente, attualmente in carcere. È accaduto a Brindisi, dove tre persone sono state arrestate dalla Polizia con l’accusa di tentato omicidio aggravato da premeditazione, motivi futili e dall’aver agito con crudeltà. Alla vittima dell’aggressione, un giovane brindisino, era stata anche rubata la macchina.

Quella messa in atto dalle tre persone arrestate, Vito e Giuseppe Cavaliere e Annunziata Antonicelli, i figli e la madre del detenuto, secondo gli investigatori è stata una vera e propria spedizione punitiva, organizzata in ambiente familiare dopo aver scoperto la donna in compagnia del ragazzo e portata a termine nella notte del 3 agosto scorso. I due figli sono ora in carcere, mentre la madre è ai domiciliari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, ambulante preso a sassate da un gruppo di giovani in centro: è in gravi condizioni

next
Articolo Successivo

Torino, donna sequestrata in pieno centro e liberata dagli agenti. Fermati quattro tedeschi: il movente è una storia di recupero crediti

next