Violenza sessuale aggravata ai danni di due bambine, di cui una di dieci anni. Le attirava in casa – entrambe lo conoscevano, abitando vicino a lui – e abusava di loro. L’accusa, dopo le indagini della squadra Mobile di Crema, è contestata a un ventinovenne, arrestato ieri e che ora si trova nel carcere di Cremona.

Gli accertamenti, fa sapere il vicequestore aggiunto Angelo Lonardo, hanno preso avvio a febbraio dopo la denuncia dei genitori di una delle vittime; denuncia entrata a fare parte del fascicolo che ora è sul tavolo del sostituto procuratore Milda Milli, titolare dell’inchiesta. Il magistrato ha disposto l’audizione protetta della minore, mentre gli inquirenti hanno perquisito l’abitazione dell’uomo e sequestrato il suo cellulare. Sul telefono era presente un video, registrato dall’uomo, nel quale è ripreso mentre abusa della minorenne di dieci anni.

Verrà poi accertato, una volta arrestato, che il 29enne era stato protagonista di un episodio simile ai danni di un’altra bambina. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, l’uomo con alcuni stratagemmi le attirava in casa sua, approfittando dell’assenza dei loro genitori, e le minacciava di morte nel caso avessero rivelato quanto accadeva in quell’abitazione. Il pubblico ministero ha così chiesto il gip di emettere la misura cautelare del carcere nei confronti dell’uomo. Che da ieri è dietro le sbarre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vercelli, bambino morto dopo parto in casa: ipotesi asfissia neonatale. La Procura apre fascicolo contro ignoti

prev
Articolo Successivo

Reggio Emilia, barista 24enne uccisa: diffusa la foto del presunto assassino

next