Matteo Salvini ha rotto con il Movimento 5 stelle. Con una nota arrivata ieri sera qualche minuto dopo le 20, il leader leghista ha comunicato di voler porre fine all’esperienza dell’esecutivo gialloverde. È crisi, anche se ufficialmente non si può ancora definire tale. Per aprire a nuove consultazioni, infatti, deve venir meno il presidente del Consiglio. Solo allora Sergio Mattarella potrà procedere, iniziando un giro di consultazioni, affidando un mandato esplorativo oppure scegliendo un governo “tecnico”. Senza un risultato, poi, sarebbe possibile procedere con le elezioni, che comunque, visti i tempi, non arriverebbero prima della seconda metà di ottobre. Il “voto subito”, quindi, come lo chiede il ministro dell’Interno, non sarebbe in ogni caso possibile prima di due mesi. Certo è che tornando alle urne verrebbero meno una serie di leggi e impegni che il governo si era preso, dalla riforma della giustizia al taglio dei parlamentari, fino ai testi sulle Autonomie regionali. Ostacolata, in caso di voto, anche la Manovra, che ha delle scadenze precise a livello europeo. Ma vediamo nel dettaglio cosa succede nei prossimi mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi di governo, e ora da che parte state? Per fortuna la scelta è facile facile

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, la linea di Zingaretti: “Voto subito e senza primarie. No a tecnici e Conte bis, anche se ce lo chiede Mattarella”

next