Saltata l’ipotesi di dimissioni, per intenderci come aveva fatto nel 2016 Matteo Renzi dopo il referendum, per ufficializzare la crisi di Governo, Giuseppe Conte deve essere sfiduciato. A chiederne la testa sono proprio i leghisti che hanno presentato la mozione in Senato, l’aula dove l’esecutivo aveva esordito poco più di un anno fa. Prima del voto però, vanno riuniti i capigruppo di Palazzo Madama per stabilire i calendari, sicuramente non prima della prossima settimana, e richiamati i parlamentari, già in ferie per l’estate. Il voto di sfiducia, quindi, potrebbe essere attorno al 20 agosto, anche se Salvini pressa per fare più in fretta. La crisi, quindi, sarebbe di tipo parlamentare. Senza i numeri al Senato potrebbe non servire il secondo passaggio alla Camera. Nel periodo transitorio, che va dalla sfiducia al Premier fino alla nomina del nuovo presidente del Consiglio, il lavoro dei ministri prosegue, svolgendo attività di ordinaria amministrazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crisi di governo, e ora da che parte state? Per fortuna la scelta è facile facile

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, la linea di Zingaretti: “Voto subito e senza primarie. No a tecnici e Conte bis, anche se ce lo chiede Mattarella”

next