Dopo il voto in aula, tocca a Sergio Mattarella decidere cosa fare. Il presidente della Repubblica potrebbe avviare un giro di consultazioni per capire se esiste un’altra maggioranza, sentendo quindi, sia direttamente il premier uscente, sia i presidenti di Palazzo Madama e di Montecitorio, oppure potrebbe scegliere la via del governo tecnico o di “scopo”, ad esempio con l’obiettivo di varare la legge di Bilancio entro il 31 dicembre 2019. In questo caso, dovrebbe trovare una figura tecnica, come fatto nel 2018 con Carlo Cottarelli, che comunque dovrebbe trovare la fiducia del Parlamento. Solo una volta falliti tutti questi tentativi il Capo dello Stato potrà sciogliere le Camere, ipoteticamente attorno al 26 o 27 agosto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crisi di governo, e ora da che parte state? Per fortuna la scelta è facile facile

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, la linea di Zingaretti: “Voto subito e senza primarie. No a tecnici e Conte bis, anche se ce lo chiede Mattarella”

next