Come ha ripetuto più volte in queste ore Luigi Di Maio, manca ancora l’approvazione di alcuni provvedimenti bandiera, tra questi la norma sul taglio dei parlamentari, prevista in discussione il 9 settembre, ma anche la riforma della giustizia che porta la firma di Alfonso Bonafede e i testi sulle Autonomie regionali, targati Lega. Ma soprattutto con la crisi salterebbero molte delle date legate alla Manovra. Entro il 27 settembre, infatti, va presentata la nota di aggiornamento al Def (Documento di economia e finanza) e il 15 ottobre scadono i termini per inviare alla Commissione europea il documento programmatico di bilancio. Ma non solo, la legge di Bilancio va inviata alle Camere entro il 20 ottobre. La discussione e l’esame, infine, deveno concludersi entro il 31 dicembre. L’alternativa? L’esercizio provvisorio, con chiari paletti e vincoli di spesa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crisi di governo, e ora da che parte state? Per fortuna la scelta è facile facile

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, la linea di Zingaretti: “Voto subito e senza primarie. No a tecnici e Conte bis, anche se ce lo chiede Mattarella”

next