È stato ricoverato in ospedale per sottoporsi ad un intervento alla vescica ma, per un errore dei medici, gli è stata fatta invece una circoncisione. È successo nel Regno Unito, alla Royal Infirmary di Leicester: la vittima dell’errore è il 70enne Terry Brazier che ha fatto causa alla struttura e ha ottenuto un risarcimento di 20 mila sterline, poco più di 21 mila euro. Dagli accertamenti svolti è emerso che la causa di tutto è stata uno scambio di cartelle cliniche, che ha fatto sì che l’uomo subisse l’intervento programmato ad un altro paziente.

Sono andato in sala operatoria per un po’ di Botox e alla fine mi hanno circonciso“, ha raccontato l’uomo al Guardian. “Non sapevano cosa dire quando hanno scoperto di averlo fatto, hanno detto che non potevano rimandarmi in reparto e avevano bisogno di parlarmi”, ha aggiunto. Brazier ha spiegato di non essersi reso conto all’inizio dell’errore perché si era messo a chiacchierare con le infermiere. L’errore medico è stato confermato da Andrew Furlong, direttore medico degli ospedali dell’Università di Leicester, che si è scusato con Brazier: “Rimaniamo profondamente e sinceramente dispiaciuti per questo errore – ha detto -. Vorrei cogliere l’occasione per scusarmi ancora una volta. Sebbene il denaro non possa mai annullare ciò che è successo, speriamo che questo pagamento fornisca un risarcimento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, incidenti con droni della polizia e grida stridenti: i gabbiani cominciano a essere problema

next
Articolo Successivo

Febbre alta e mal di testa: hostess di 25 anni muore 3 giorni dopo esser stata punta da una zanzara

next