Non solo Roma. Anche a Parigi la presenza dei gabbiani comincia a essere un problema. Secondo il quotidiano Le Parisien, sono infatti già una decina gli incidenti avuti con i droni della polizia in questi ultimi mesi. E poi c’è chi si lamenta delle grida stridenti che si concentrano soprattutto da marzo ad agosto, durante il periodo di nidificazione.

Secondo gli esperti, i cosiddetti goélands – come chiamano Oltralpe i gabbiani di grosse dimensioni – hanno cominciato a riprodursi a Parigi all’inizio degli anni Novanta. Jean-Philippe Siblet, ornitologo al Museo Nazionale di storia naturale, ritiene che la capitale conti attualmente una cinquantina di coppie in età riproducibile, numero invariato rispetto alle stime del 2013. Per lui, la loro presenza resta dunque limitata e non si può dunque parlare di ‘invasione’, anche se la rarefazione del cibo sulle coste sta indubbiamente contribuendo a spingere i volatili verso la capitale per procacciarsi del cibo nelle discariche e tra i rifiuti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Donna muore durante vacanza nella Repubblica Dominicana, il marito denuncia: “Dalla salma che mi hanno spedito mancano molti organi”

prev
Articolo Successivo

Va in ospedale per un’operazione alla vescica: ma i medici sbagliano e lo circoncidono

next