Tutto come previsto, almeno riguardo al voto. Il Senato ha approvato le mozioni (quattro) a favore del Tav Torino-Lione, nel giorno del duello finale tra Lega e M5s sul via libera all’opera. Respinta quella del Movimento 5 stelle. Così la maggioranza che sostiene il governo di Giuseppe Conte (che non si è mai presentato in Aula, ndr) si è spaccata. Anzi si è proprio sdoppiata, con tanto di rappresentazione plastica. Si sono ignorati all’entrata come all’uscita i due vicepresidenti del Consiglio, Di Maio e Salvini, che non si sono nemmeno salutati. Dopo il verdetto, stati d’animo opposti. Mentre, tra le proteste e gli attacchi del Partito democratico (“A casa”, urlavano contro il governo, ndr), il capo politico del Movimento usciva dall’emiciclo in direzione opposta a quella di Salvini, il vicepremier leghista esultava insieme ai suoi senatori, da Siri a Garavaglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Tav non serve alla nazione, non serve al popolo

next
Articolo Successivo

De Falco: “Dl sicurezza bis? Suicida e disapplicabile. M5s ha tradito i suoi principi e su Tav non è stato onesto, né corretto”

next