Tutto come previsto, almeno riguardo al voto. Il Senato ha approvato le mozioni (quattro) a favore del Tav Torino-Lione, nel giorno del duello finale tra Lega e M5s sul via libera all’opera. Respinta quella del Movimento 5 stelle. Così la maggioranza che sostiene il governo di Giuseppe Conte (che non si è mai presentato in Aula, ndr) si è spaccata. Anzi si è proprio sdoppiata, con tanto di rappresentazione plastica. Si sono ignorati all’entrata come all’uscita i due vicepresidenti del Consiglio, Di Maio e Salvini, che non si sono nemmeno salutati. Dopo il verdetto, stati d’animo opposti. Mentre, tra le proteste e gli attacchi del Partito democratico (“A casa”, urlavano contro il governo, ndr), il capo politico del Movimento usciva dall’emiciclo in direzione opposta a quella di Salvini, il vicepremier leghista esultava insieme ai suoi senatori, da Siri a Garavaglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Tav non serve alla nazione, non serve al popolo

prev
Articolo Successivo

De Falco: “Dl sicurezza bis? Suicida e disapplicabile. M5s ha tradito i suoi principi e su Tav non è stato onesto, né corretto”

next