Dopo la Florida, è stato esteso ad altre 7 città del Massachusetts l’allarme per il rischio di contagio del virus mortale che viene trasmesso dalle zanzare e colpisce il cervello. Il Dipartimento della Salute dello stato americano ha rilevato infatti il virus in 92 campioni di insetti, un terzo dei quali è risultato idoneo a passare la malattia all’uomo e ha lanciato l’allarme sul virus dell’encefalite equina orientale (Eee) che colpisce il cervello con edema e infiammazione.ù

Abbiamo elevato il livello di rischio, perché c’è più attività di quella che registriamo di solito, e in un periodo precoce della stagione”, ha fatto sapere in una nota Monica Bharel, commissario alla salute pubblica, come riferisce la Cnn. Catherine Brown, epidemiologa, ha invece sottolineato: “Prendiamo l’Eee molto sul serio, e quest’anno siamo preoccupati“. Secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention, ogni anno negli Stati Uniti si registrano circa 7 casi di Eee.

Ad oggi, nel 2019, non ci sono ancora casi di passaggio, per puntura, all’essere umano ma negli Usa l’Encefalite Equina ha fatto registrare una media di 7 casi all’anno a partire dal 2008. In Italia invece non ci sono casi e i sistemi di sorveglianza non hanno dato nessun segnale. “Per noi, in Italia, il rischio non è vicino”, ha assicurato a Ilfattoquotidiano.it il direttore del reparto di Malattie infettive del Policlinico di Milano Andrea Gori.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mamma uccide le figlie di 3 anni e 17 mesi: “Mi impedivano di fare sesso”. Condannata all’ergastolo

next
Articolo Successivo

Un puma la insegue: mette i Metallica a tutto volume e si salva dall’attacco

next