Era stato ucciso quattro mesi fa con alcuni colpi di pistola, ma solo sabato potrà avere una degna sepoltura grazie alle donazioni della comunità locale. La storia di Daniel Nyarko, bracciante agricolo di origine ghanese morto il 28 marzo scorso, ha smosso gli animi dei cittadini foggiani: dopo la morte, il suo corpo è rimasto in obitorio per tutto questo tempo perché non si trovavano i soldi per garantire a quest’uomo, arrivato dall’Africa per lavorare nei campi della Puglia, un funerale.

Così l’Associazione Immigrati per l’Integrazione e la Motivazione Sociale (Aiims), Ghana Union Association di Puglia e la Caritas diocesana di San Severo hanno lanciato una raccolta fondi per poter dare l’ultimo saluto a Nyarko. Ed è grazie ai 1.700 euro donati dalla comunità locale che sabato l’uomo potrà avere un funerale e una sepoltura: “Abbiamo raccolto complessivamente 1.700 euro – spiega Ras Bamba dell’associazione ghanese pugliese – Domani saluteremo il nostro amico per l’ultima volta. Prima in ospedale, infine con i funerali al cimitero di Foggia, dove Daniel sarà tumulato. Nel pomeriggio, un’altra cerimonia si svolgerà presso l’ex pista di Borgo Mezzanone, dove si trova una baraccopoli che ospita migranti, per ringraziare tutta la comunità ghanese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vimercate, bambina di 10 anni “ha assunto sostanze ansiolitiche”. L’azienda sanitaria: “Non possiamo dire che era cocainomane”

prev
Articolo Successivo

Catanzaro, guidava e sceglieva merce sugli scaffali. Falso cieco pizzicato dai carabinieri

next