Lite in Aula alla Camera tra Pd e Lega sulla mozione di sfiducia al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e sul tema dei presunti finanziamenti russi al partito di via Bellerio. Con un botta e risposta tra i capigruppo dei due partiti, Graziano Delrio e Riccardo Molinari. E il presidente di turno, Ettore Rosato, che si fa sentire per riportare all’ordine i due schieramenti. Lo scontro nasce dalla richiesta della maggioranza di inserire nell’ordine del giorno dei lavori odierni dell’Aula le misure per prorogare i termini delle disposizioni in materia di nautica da diporto. Un provvedimento fermo a Montecitorio da diversi mesi e che oggi Lega ed M5s chiedono di accelerare, alla vigilia della chiusura della Camera per la pausa estiva. Il Pd replica proponendo che all’ordine del giorno venga inserito anche il voto sulla mozione di sfiducia contro Salvini, al momento calendarizzata per il 12 settembre.

Delrio attacca: “Non abbiamo ancora ricevuto una risposta dal ministro Salvini, che scappa, mentre mi stupisce la fretta per la nautica da diporto. Non interessa sapere perché il ministro dell’Interno ha mentito. Non vi interessa più – dice rivolto ai 5 stelle – non avete più nemmeno la dignità di chiedere, come chiesto da Conte e dal vostro capo politico, che Salvini venga in Aula”. Il capogruppo della Lega Molinari replica andando all’attacco sul caso di Sandro Gozi, diventato consigliere di Macron: “Chiediamoci come mai autorevoli membri di governi passati oggi entrano nel governo francese. Se di sicurezza nazionale vogliamo parlare non andiamo a caccia di rubli ma parliamo di fatti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Forza Italia, Giovanni Toti: “Avventura finita, ognuno per conto suo. Buona fortuna a tutti”

prev
Articolo Successivo

Dalla giacca “dignitosa” di Moro a Terracina al mojito e acquascooter di Salvini al Papeete: la politica è tornata all’ostentazione del corpo

next