Lega, M5s, Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno respinto la richiesta del Pd di discutere ad agosto la mozione di sfiducia presentata dai dem al vicepremier Matteo Salvini. Nella conferenza dei capigruppo, i rappresentanti dei due partiti di maggioranza e delle opposizioni di destra hanno detto no alla calendarizzazione nelle prossime settimane.

Andrea Marcucci, capogruppo al Senato del Partito Democratico, aveva annunciato durante l’informativa di Giuseppe Conte sul caso Lega-Mosca di voler presentare la mozione. Ora il niet a un arrivo rapido in Aula stabilito dalle altre principali forze presenti a Palazzo Madama.

La decisione ha fatto infuriare il segretario del Pd, che se la prende con i pentastellati: “Il Movimento 5 Stelle si oppone alla calendarizzazione della mozione di sfiducia a Salvini. Ma non era Luigi Di Maio ad aver detto ‘se il Parlamento chiama si va’? – scrive Nicola Zingaretti – E non è il presidente della Camera dei 5 Stelle Fico ad aver chiesto a Salvini di andare in Aula senza aver ottenuto risposta dal ministro? Parolai, schiavi e buffoni”.

Nel silenzio del M5s, è Forza Italia a spiegare di essersi opposta “perché, oggi come in passato, riteniamo lo strumento inopportuno e, in quanto inopportuno, dunque, nemmeno urgente”, spiega il vicepresidente vicario del gruppo Forza Italia alla Camera, Roberto Occhiuto. “Inoltre – aggiunge – abbiamo sempre sostenuto che la responsabilità del governo è collegiale. La nostra posizione resta coerente con quanto sempre sostenuto. Anche nella scorsa legislatura, sulla scorta di queste medesime considerazioni, ci siamo opposti a mozioni di sfiducia individuali contro ministri del Pd, lo stesso partito che oggi ha proposto la mozione contro il titolare del Viminale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Genova, Bucci: “Ponte? Conclusione prevista per 2020”. Tensioni M5s-Lega sulla Gronda

next
Articolo Successivo

Governo, Di Maio: “Escludo totalmente che il governo cada prima di settembre”. Mozione sul Tav: non solo M5s, anche Pd e Forza Italia

next