“A me fanno ridere quegli uomini che cadono dal cielo e dicono: “mia moglie mi ha lasciato, mia moglie aveva un altro e non mi sono accorto di nulla”. Se non ti sei accorto di nulla, vuol dire che non sei stato abbastanza attento verso tua moglie! Questa è la verità: la cosa più importante di un rapporto è l’attenzione. Occorre capire in tempo le situazioni che cambiano, non puoi arrivare quando il dado è tratto”: parola di Rocco Siffredi che in un’intervista a Novella 2000 racconta della sua festa più importante, quella per i 25 anni passati insieme alla moglie Rosa. “Di solito sono gli uomini egoisti che fanno questa fine: quelli che non si curano delle piccole attenzioni verso la partner, perché magari sono concentrati sulla carriera, sul lavoro, su altri interessi. E che per questo dimenticano di prestare attenzione alla propria compagna e si dimenticano di dedicarle attenzioni. Una cosa piccola, più un’altra cosa piccola, diventano due cose. E occupano già spazio. E poi diventano tre. E poi quattro e via dicendo. Alla fine la tua compagna prende il volo e tu non capisci più niente. Le piccole attenzioni non sono importanti: sono importantissime. Sono più importanti dell’atto sessuale in sé“.

Insomma, un Rocco Siffredi in versione “romantica” che si prepara a festeggiare a Budapest: “Sono i venticinque anni del matrimonio con Rosa: è un grande risultato e abbiamo deciso di festeggiare come si deve. Siccome mia moglie è estremamente romantica, il minimo che posso fare per lei è organizzarle una festa strepitosa, con la famiglia, i figli e gli amici di tutta la vita. Praticamente è una cerimonia privata, una festa intima che faremo da noi a Budapest”. Ma cosa manca a Rocco di Rosa quando non è con lei? “Mi mancano il suo affetto e la sua presenza, soprattutto la sera, quando vado a dormire, o la mattina quando mi sveglio. Se devo andare a letto da solo e alzarmi da solo, per esempio se sono in hotel, in viaggio per lavoro… questa è davvero la parte più brutta, dove sento che Rosa mi manca tanto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kristen Stewart: “Parlo con i fantasmi. Percepisco un’energia, anche con le persone: la gente “macchia” le stanze in cui vive”

next
Articolo Successivo

Dalle zanzare virus che colpisce il cervello, facciamo chiarezza: “Potrebbe dare origine a epidemie, va monitorato. Ma in Italia il rischio è solo potenziale”

next