Via libera del Garante della Privacy al decreto riguardante il Fondo indennizzo risparmiatori (Fir), strumento per presentare per via informatica le domande di rimborso per i circa 300mila piccoli investitori coinvolti nei dissesti bancari del periodo 17 novembre 2015 – 31 dicembre 2017. Il parere dell’authority è arrivato in tempi record, visto che la richiesta formale era giunta al ieri dal Mef. L’Autorità aveva fatto sapere sabato scorso di essere in attesa dello schema di decreto spiegando che, a quella data, era pervenuto informalmente il testo definitivo del decreto ma non la richiesta formale che sarebbe dovuta arrivare, appunto, ieri.

Sempre sabato, il Garante aveva poi assicurato che si sarebbe pronunciato immediatamente dopo, (ben prima dei 45 giorni previsti dalla legge come termine per il rilascio dei pareri da parte del Garante). E così è stato visto oggi è arrivato il via libera. Nelle scorse settimane il Garante e il Mef hanno lavorato a stretto contatto sul testo del decreto al fine di redigere un documento che superasse i potenziali rilevi in materia di privacy da parte della stessa Autorità, accelerando così i tempi e rispettando, quindi, quelli stabiliti dal decreto dell’11 giugno scorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Industria, “in Lombardia nel secondo trimestre produzione in calo dopo sei anni di crescita. Pesa il rallentamento tedesco”

prev
Articolo Successivo

Facebook avverte: “Nessuna garanzia su Libra. Incertezze e inesperienza possono impedirne il lancio”

next