“Ora però quello di allargare la famiglia non è più soltanto un sogno perché a 45 anni ho deciso di fare un figlio con la fecondazione assistita”. A svelarlo è Maria Monsé, l’ex valletta di Non è la Rai, che in un’intervista a Grand Hotel ha raccontato le difficoltà che lei e il marito hanno dovuto affrontare in questi anni per inseguire il sogno di allargare la famiglia e dare un fratellino o una sorellina alla loro figlia Perla Maria, 12 anni, fino alla decisione di ricorrere alla fecondazione assistita.

“Lo sa soltanto il cielo quanto mio marito e io abbiamo provato ad avere un altro figlio in tutti questi anni- ha raccontato Maria Monsè  -. Purtroppo le cose non sono andate come speravamo, tra la delusione di mia figlia e il mio immenso dolore per non essere riuscita a darle un fratellino. Il cambiamento ormonale non mi spaventa, anzi, mi incuriosisce – ha spiegato -. Se tutto dovesse andare bene, avrò finalmente delle foto con il pancione, visto che della prima gravidanza non ne ho nemmeno una. Allora infatti non c’era ancora l’abitudine di farsi i selfie o di scattare foto con i telefonini e il risultato è che non ho alcun ricordo di quel momento magico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valentina Pivati, l’influencer chiede una cena gratis al ristorante ma viene respinta: “Il nuovo modo per farsi le vacanze a sbafo”

next
Articolo Successivo

Greta Thunberg andrà al summit sul clima con la barca a vela di Pierre Casiraghi

next