Una cena in cambio di qualche post sui social. È la proposta che ha fatto l’ex corteggiatrice di Uomini e Donne ora influencer con 176mila followers su Instagram, Valentina Pivati, al ristorante Il Principe Granatelli di Mazara del Vallo, in Sicilia. Una richiesta che è stata respinta al mittente dallo staff del locale.

“Buonasera, mi chiamo Valentina Pivati  -aveva scritto in un post destinato al ristorante – e grazie ad un programma televisivo sono cresciuta sulla piattaforma social, in particolare su Instagram, iniziando così un lavoro di influencer. Ad agosto sarò in Sicilia e mi chiedevo se vi interesserebbe, in cambio di pubblicità, ospitare me ed il mio compagno per una cena. In attesa di una vostra risposta porgo cordiali saluti. Valentina”.

Il nuovo modo per farsi le vacanze a sbafo“, avevano risposto subito dal ristorante in un primo post pubblicato su Facebook e poi rimosso e sostituito con un altro in cui i gestori del locale spiegano le motivazioni del loro rifiuto. “Sul precedente post la situazione è un po’ sfuggita di mano e ci teniamo a fare le dovute precisazioni – spiegano dal Granatelli -. Abbiamo cancellato volutamente un post da 10000 visualizzazioni in poco meno di 10 ore. Un post diventato subito virale in un contesto in cui tutto può fare audience, tutto può entrare nella gogna mediatica e tutto fa business, nel bene o nel male”.

“Ci teniamo a precisare che siamo sempre alla ricerca di persone con cui collaborare, con modalità che possano apportare un valore aggiunto a tutte le persone coinvolte. Ciò significa che non basta essere un “influencer” ed avere 100,000 followers su Instagram ma è più importante decidere assieme come poter collaborare in maniera virtuosa. Ci teniamo a rispettare l’etica del nostro lavoro e di quello altrui. Ci scusiamo se in qualche modo abbiamo urtato la sensibilità di qualcuno e non escludiamo in futuro di lavorare con blogger ed influencer che condividono i nostri stessi principi morali. Con affetto, il team di Principe Granatelli”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabio Canino, la rivelazione a Pierluigi Diaco: “Sono innamorato non corrisposto”

prev
Articolo Successivo

Maria Monsè: “Ho deciso di fare un figlio con la fecondazione assistita a 45 anni”

next