Ho tolto l’eredità a tutti i miei figli”. A rivelarlo è Luca Barbareschi ospite di Pierluigi Diaco a Io e te, spiegando che “nessuno di loro avrà un euro ma ho dato a tutti l’opportunità di lavoro”. La decisione di non lasciare eredità ai suoi sei figli l’ha maturata anche sulla base del fatto che dice di aver speso un milione di euro per la loro istruzione: “I figli dei ricchi diventano cretini, ma non sono cretini. Il cervello è un muscolo e va allenato. Se tu non studi non elabori, il cervello s’impigrisce”, ha detto Barbareschi.

“Io sono nato in Uruguay, ho passaporto uruguagio, ho il passaporto italiano e avendo lavorato tanto in America ho avuto honoris causa il passaporto americano – ha rivelato poi l’attore raccontando la sua esperienza personale -. Questo mi ha dato il privilegio di poterlo dare a tutti i miei figli per cui tutti e sei hanno il passaporto uruguagio, il passaporto italiano e il passaporto americano. Cosa vuol dire questo? Che loro possono lavorare in America, in tutto il Mercosur cioè dall’Argentina al Messico e in tutta l’Europa. Tutti hanno studiato in università che costano un milione di euro per l’educazione di quattro anni”.

Nel corso della trasmissione, Luca Barbareschi ha voluto poi ricordare anche la madre: “L’ho amata tantissimo e l’ho rispettata come tutti i figli devono fare con i genitori. Era coltissima. Mi ha abbandonato a 7 anni dicendomi: ‘Io amo un altro uomo e me ne vado’. Da quel momento non l’ho più vista e ho vissuto con due zie”. Un dolore che non l’ha mai lasciato: “Consiglio a tutti quelli che hanno subito un dolore a pensare che non è colpa loro perché io a quell’età per anni ho pensato che fosse colpa mia”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonella Clerici, chiude il suo ristorante aperto nel 2015: non ha “retto” al cambio di gestione

next
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi, dopo la rissa in tv incalza su Twitter: “Giampiero Mughini? Come il prete de L’esorcista”

next