È morto dopo cinque giorni di agonia il pugile russo Maxim Dadashev, 28enne peso superleggero. Il boxeur si è spento nell’ospedale del Maryland, negli Stati Uniti, dove era stato ricoverato venerdì scorso dopo che si era sentito male al termine dell’incontro perso contro il portoricano Subriel Matias a Oxon Hill. Dadashev era stato colpito ripetutamente dal suo avversario nel corso del match, tanto che il suo tecnico Buddy McGirt lo aveva invitato ad abbandonare il ring. Lui però si era rifiutato e alla fine era stato proprio McGirt a gettare la spugna.

Il pugile russo, originario di san Pietroburgo, si è accasciato al suolo subito dopo la proclamazione del verdetto. Trasportato d’urgenza in ospedale, il 28enne era stato operato per un ematoma al cervello e poi gli era stato indotto il coma farmacologico. Le sue condizioni sono apparse fin da subito critiche e non ha più ripreso coscienza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Enrico Mentana rivela: “Vorrei avere il coraggio di essere uno splendido pensionato”

prev
Articolo Successivo

Comico 36enne ha un arresto cardiaco sul palco: il pubblico pensa sia parte dello show e continua a ridere

next