È morto Giampiero Pesenti. Il “re del cemento” è scomparso nella notte a Bergamo all’età di 88 anni. Ingegnere e industriale, oggi presidente onorario di Italmobiliare, con il padre Carlo ha fondato Italcementi, uno dei principali gruppi al mondo nel settore, poi venduto nel 2015 a Heidelbergcement Group. Tra i grandi protagonisti dell’industria e della finanza italiana, Pesenti, bergamasco, è stato, tra l’altro, presidente del patto di sindacato di Rcs e consigliere di amministrazione della Pirelli.

Nato a Milano il 5 maggio del 1931 Giampiero Pesenti si era laureato in ingegneria meccanica al Politecnico della sua città, per ricevere anni dopo una laurea honoris causa in ingegneria gestionale all’Università di Bergamo. Subito dopo la laurea Pesenti iniziò nel 1958 la sua attività in Italcementi, diventandone prima direttore generale poi consigliere delegato e infine presidente fino al passaggio di controllo della società nel 2016. Nel 1984 ha assunto la carica di presidente e consigliere delegato di Italmobiliare, la società d’investimenti di famiglia, di cui è stato presidente fino al 2017 e in seguito presidente onorario.

Oltre alla presenza nel corso degli anni in diversi consigli di amministrazione di società italiane e internazionali, Pesenti ha ricoperto la carica di vicepresidente di Confindustria dal 1992 al 1996 ed è stato presidente onorario della Fondazione Pesenti dal 2016. Nel 1977 è stato nominato Grand’Ufficiale e nel 2009 Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Cavaliere del Lavoro dal 1989, Pesenti ha ricevuto anche la Legion d’Onore dal Presidente della Repubblica Francese nel 2004.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carola Rackete, ricorso della Procura di Agrigento contro la scarcerazione: “Conclusione errata e contraddittoria”

next
Articolo Successivo

Torino, distraevano anziani chiedendo informazioni stradali. Arrestati ladri seriali

next