24 cortometraggi in concorso e un presidente di giuria d’eccezione: Robert Zemeckis. Dodicesima edizione per Universo Corto con il botto. Dal 24 al 27 luglio 2019 a Tuscania (Viterbo) il festival ideato dall’associazione Giovani Persone, e con un concorso dedicato agli studenti universitari e post universitari iscritti a scuole di cinema (con qualche propaggine che nel tempo si è allargata ai “giovani” cineasti), fa il pieno di visioni documentarie, d’animazione, video arte, drammi e commedie nel bel parco della Torre di Lavello. Nessuna preclusione formale o di stile. Solo una durata massima che non deve andare oltre i 15 minuti.

Il grande regista americano, premio Oscar, autore di cosucce così come Forrest Gump e Ritorno al futuro, in compagnia della moglie Leslie Harter Zemeckis, deciderà quale tra i 24 titoli sarà il vincitore. Tra questi sbuca un over quota, Pippo Mezzapesa con La giornata, e quel Fino alla fine, diretto da Giovanni Dota, in Concorso all’ultima Settimana della Critica del festival di Venezia. Altra ospite d’eccezione dell’edizione 2019 sarà l’attrice Corinne Clery, celebre interprete dell’erotico Histoire d’O, che presenterà l’ultima serata della manifestazione. Infine, come ogni festival da Roma in poi, ecco il premio del pubblico e un premio speciale assegnato da una giuria composta da studenti e professori del Liceo di Tuscania. Per ogni informazione: www.universocorto.org

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

E-book, la nuova legge sugli sconti penalizza tutta l’editoria

prev
Articolo Successivo

Muro di Berlino, 30 anni dopo la caduta: su una Trabant 601 nei luoghi iconici dell’ultima estate dell’Europa divisa in due

next