È morto a 64 anni Peter McNamara, vincitore di tre tornei dello Slam in coppia con Paul McNamee e tra i migliori doppisti degli anni ottanta. L’australiano, secondo quanto reso noto dall’Atp, si è spento nella sua casa a Sonthofen, in Germania, dopo una lunga battaglia contro un cancro alla prostata. I più importanti successi della sua carriera li ha ottenuti con il suo amico d’infanzia McNamee, una coppia di doppio ribattezzata ‘Super Macs’ in grado di vincere due volte Wimbledon (1980 e 1982) e una volta l’Australian Open (1979) e di raggiungere la terza posizione del ranking mondiale.

McNamara ha ottenuto ottimi risultati anche in singolare, compresa una semifinale in Australia, e nel 1981 fece il suo ingresso nella top ten raggiungendo il best ranking di numero 7. Commosso l’omaggio all’amico scomparso postato da McNamee su Instagram insieme a una foto che li ritrae insieme sorridenti con una birra in mano: “Difficile credere che dopo 50 anni di amicizia Macca se ne sia andato. Hai vissuto in pieno la tua vita, mancherai tanto a tutti. Un brindisi ai bei tempi, amico”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michele Bravi pubblica alcune foto su Instagram avvolto nel nylon. I commenti: “Esci da quell’involucro”

prev
Articolo Successivo

Duncan James dei Blue fa coming out: “Sono orgoglioso di essere gay”

next