“Una birra o una bevanda gratis in cambio di un bicchiere pieno di mozziconi raccolti sulla spiaggia”. È questa l’iniziativa del lido Tibu-Ron Beach di Barcellona, nata nel 2016 e giunta quest’anno alla sua quarta edizione. Sotto lo slogan “ripuliamo le spiagge, proteggiamo il pianeta”, lo stabilimento balneare vuole sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema molto attuale come il rispetto e la protezione dell’ambiente.

Come spiega lo staff del Tibu-Ron sulla propria pagina web, è sufficiente un solo mozzicone per inquinare ben tre litri di acqua di mare. Oltre il rilascio di sostanze tossiche, i filtri delle sigarette possono impiegare dai cinque ai vent’anni per decomporsi totalmente; senza considerare il rischio che le specie marine le confondano con cibo commestibile. 

Lo stabilimento punta a sradicare la falsa percezione secondo cui gettare mozziconi nella sabbia non provocherebbe danni all’ambiente. Per questo, la spiaggia mette a disposizione posacenere gratuiti per tutti lungo il proprio tratto di mare. Finora l’iniziativa ha riscosso grande successo, soprattutto tra i turisti stranieri, i più partecipi nella raccolta attiva dei resti di sigarette.

Questa non è l’unica attività ecologica promossa dal lido: durante le ultime stagioni, Tibu-Ron ha raccolto migliaia di tappi di plastica e li ha venduti agli impianti per la raccolta differenziata, per destinare i proventi alla lotta contro il cancro infantile. Grazie a ciò, alcune ong hanno iniziato a collaborare con lo staff in altri progetti di sensibilizzazione. Quest’anno, inoltre, la spiaggia ha finalmente deciso di dire addio alla vendita di articoli in plastica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gioco erotico finisce male: il marito usa un uncino come sex toy. Ora è accusato di omicidio

prev
Articolo Successivo

Truffò anche George Clooney, estradata dalla Thailandia Vanja “Bonnie” Goffi

next