Un fulmine a ciel sereno. Rocco Hunt ha spiazzato tutti con una dichiarazione diretta, sincera e dura sui social in cui annuncia il ritiro dalle scene musicali. “Sono anni che continuamente vi prometto che l’album nuovo uscirà presto e per un motivo o per un altro non riesco a condividerlo con voi. – ha scritto il rapper napoletano – Siamo cresciuti insieme attraverso la mia musica e ci siamo emozionati durante i concerti ed io mi sono sempre sentito come se fossi stato nel pubblico con voi. Ovunque sono andato mi avete fatto sentire a casa (per questo vi ringrazio) e spero che per voi sia stato lo stesso”.

Poi la decisione: “Ma adesso non me la sento più di continuare e credo sia meglio lasciarvi con il bel ricordo che avete di me. Ho troppe pressioni e forse è arrivato il momento di mollare tutto e darla vinta a tutte le persone che vorrebbero la fine della mia musica. Ho creato tante aspettative che non riesco a mantenere. Ho sentito il bisogno di sfogarmi con voi e dirvi che per adesso mollo tutto. Purtroppo mi sembra la decisione più onesta da prendere”.

Nessuno se lo aspettava. Tanto che Rocco aveva lanciato il nuovo singolo “Benvenuti in Italy” che rientrava nel progetto per la Nazionale Under 21 ed era stato ospite tre giorni fa sul palco del Jova Beach Party con Clementino e Enzo Avitabile a Castel Volturno. “Benvenuti In Italy” poi era il brano apripista al nuovo progetto discografico, la cui uscita era prevista entro la fine dell’anno. Lo aveva dichiarato Rocco Hunt stesso durante la conferenza stampa di presentazione del singolo “Benvenuti in Italy”. “Questa canzone per me è il simbolo di una ripartenza – aveva dichiarato – che è iniziata a gennaio con il brano totalmente in napoletano ‘Ngopp’ a luna’ che ha totalizzato su Spotify quasi nove milioni di streaming. Non sono certo rimasto con le mani in mano in questi anni, Ho fatto delle incursioni nel cinema e ho collaborato anche con altri colleghi. Ma ora è arrivato il mio momento, il momento della musica”. L’ultimo album di inediti di Rocco Hunt risale al 2015 con “SignorHunt”.

Cosa ha spinto il rapper a lasciare la musica? Quali pressioni avrebbe ricevuto? Intanto il profilo Instagram che conta oltre 700mila follower è stato ripulito del tutto. L’immagine di profilo è nera, in segno di lutto e il lungo post di addio è sotto una foto in cui l’artista guarda nel vuoto. Tanti i messaggi di solidarietà e di vicinanza dei colleghi da Benji e Fede (Non mollare Bro”) a Noemi (“Hey Men, be conscio! You Can Do It”)  passando per Boomdabash (“Fratello esci sta bomba! La musica è di tutti e tutti hanno bisogno della tua musica”) a Gigi D’Alessio (“Nunn’è nu jorno buono  Parlamme dimane”) fino allo sbigottimento di Nino D’Angelo (“Ma cosa è successo?”). Tutti tendono la mano al collega. C’è da scommettere che alla fine Rocco Hunt, forte dell’appoggio di tanti artisti, tornerà sui propri passi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

FaceApp, tutti pazzi per l’applicazione che invecchia. E Taffo interviene: “Non esagerate che è un attimo”

prev
Articolo Successivo

Andrea Camilleri è morto: aveva 93 anni. Con lui finisce anche l’avventura del commissario Montalbano: l’ultimo libro custodito da Sellerio

next