Una lite in famiglia, poi l’accoltellamento. L’inutile corsa in ospedale, la morte e, dopo neanche 24 ore, l’arresto del presunto responsabile. È questa la dinamica dell’omicidio compiuto nell asera di sabato 13 luglio a Ostuni, in provincia di Brindisi. La nota di cronaca, tuttavia, non dice tutto. Perché a morire è stato Giuseppe Maldarella, 44 anni, il padre della fidanzata minorenne di Lorenzo Moro, 20 anni, considerato dagli inquirenti il responsabile dell’accoltellamento e per questo motivo portato in carcere a Brindisi. Di sicuro, alla base del litigio finito del sangue c’era proprio la relazione tra i due ragazzi. Ne sono convinti gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Brindisi e del commissariato di Ostuni, che nella serata di sabato intorno alle 23 sono stati chiamati a intervenire in via Garibaldi, angolo via Fogazzaro (nel pieno centro della città turistica brindisina), e hanno subito riconosciuto il ferito che era adagiato sul sedile anteriore dell’auto guidata dalla moglie: l’uomo aveva ferite da taglio. Soccorso dal 118 e trasportato all’ospedale, poco dopo è deceduto. Nel frattempo, all’ospedale di Fasano sempre nella serata di sabato, sono giunti, con ferite alle braccia, altre due persone. Il delitto, o comunque la lite, tra la vittima e altre persone, secondo quanto accertato, si è consumato all’interno di un’abitazione in via Massimo D’Azeglio e nelle immediate vicinanze. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte della Squadra Mobile e del Commissariato per ricostruire in ogni dettaglio la dinamica del fatto di sangue. Nella lite sarebbe rimasto coinvolto anche il padre di Moro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suzanne Eaton, scienziata americana trovata morta a Creta: il corpo gettato in un bunker

next
Articolo Successivo

Savona, si è costituito Domenico Massari: “Non sono pentito”. Aveva ucciso l’ex moglie sparandole in un locale

next