A Napoli, la polizia consegna una notifica a un uomo agli arresti domiciliari. Il suo pitbull, tuttavia, quando vede il proprietario circondato dagli agenti, viene prima aizzato da una seconda persona e poi morde una gamba a un poliziotto. Un collega, con lo scopo di soccorrerlo, spara al cane una prima volta, ferendolo. E una seconda, per bloccarlo. Gli stessi agenti lo hanno caricato sulla propria auto per portarlo al pronto soccorso veterinario, ma l’animale non ce l’ha fatta. All’uomo è stato contestato il possesso del pitbull, vietato per chi è in regime detentivo.

Video Facebook/Francesco Emilio Borrelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Polizia, sindacato denuncia: “Nuovi distintivi si staccano, costati 5 milioni di euro”. Viminale: “Rigidi collaudi”

prev
Articolo Successivo

Trapani, auto si ribalta: morto 13enne, gravissimi fratello di 9 anni e il padre. Che poco prima aveva postato video su Fb

next