Tre le punte della Stella per altrettante sfumature di berlina: Classe C, CLA e ora anche Classe A Sedan che, arrivata sul mercato a inizio anno, ha completato la gamma di quelle che a Stoccarda chiamano “Baby-Benz”, ovvero le piccole tre volumi a coda corta della Casa tedesca. I tre modelli a una prima occhiata potrebbero quasi apparire indistinguibili, ma in realtà rappresentano tre anime diverse del segmento delle berline.

E seppure il mercato italiano non sia “affamato” di questo genere di carrozzeria, in qualche modo negli anni ne è rimasto comunque affascinato, come dimostrano i dati di vendita delle compatte nel 2018: 609 mila unità in tutto il mondo, di cui oltre 34 mila vendute nel bel paese. Merito della personalità propria che i designer di Mercedes sono riusciti a conferire a ciascuna.

Pur originando dallo stesso DNA fatto di eleganza e comfort, a guardarle l’una accanto all’altra e a guidarle una dopo l’altra, si capisce come ciascun modello sia in grado di rispondere ad esigenze diverse e, di conseguenza, di vestire i panni di una clientela differente. L’ultima arrivata, la versione Sedan della Classe A, è lunga 4,55 metri e possiede una spiccata personalità giovanile: all’interno comfort e cifra tecnologica si fanno sentire forte e chiaro, a partire dalla configurazione di una plancia “a tutto schermo” (che incorpora strumentazione e infotainment), per finire ai comandi di assistenza vocale integrata.

Ciò che definisce ancora meglio l’attenzione al dettaglio di questa ultima Baby-Benz – motorizzata con un turbodiesel 1.5 da 116 Cv o un turbobenzina 1.3 da 136 Cv – è, però, il coefficiente aerodinamico di 0,22: un record per una berlina, soffiato peraltro alla sorella CLA, che ora ha Cx 0,23. Su strada la Classe A Sedan sfoggia un’agilità niente male, condita da una aderenza rassicurante.

Non meno votata all’hi-tech è la CLA (che eredita la configurazione interna da Classe A e relativa versione Sedan), anche se il punto forte di questa coupé a quattro porte è sicuramente la linea identificata nel frontale dalla cosiddetta “Predator Face”: quest’ultima è stata un po’ la rampa di lancio verso un ringiovanimento del marchio premium tedesco, nonostante le dimensioni siano da pubblico abbastanza adulto, visti i 4,7 metri di lunghezza. Dal momento del lancio nel 2013 sono state vendute in Italia più di 24 mila CLA e 10 mila di queste sono state Shooting Brake: dato che inverte il trend che vedeva il segmento delle tre volumi scendere di quota. La CLA fa quasi le stesse cose della Classe A Sedan, ma è un filo più gustosa nel design e nella guida, senza rinunciare a spaziosità e comfort.

La Classe C, invece, è appena un centimetro più lunga della CLA ma non ha le stesse pretese da sportiva. Pure se ne avrebbe il talento, vista anche la meccanica a trazione posteriore. Certo, l’aerodinamica è un filo meno avanzata (Cx 0,25) e l’impostazione generale più seriosa, da classica, spaziosa ed elegante berlina di foggia tradizionale. Un ulteriore indizio per capirlo – se davvero ne servisse uno – è la strumentazione: delle tre sorelle, la C è l’unica che presenta un quadro dal piglio ancora analogico, pur essendo anche questo oramai divenuto digitale.

A chiarire il posizionamento di ciascuna, comunque, ci pensano i prezzi: si parte da 32 mila euro per la Classe A Sedan, da 38 mila per la CLA e da 45 mila per la Classe C, tutte con i propulsori diesel rispettivamente 180d, 220d e 200d.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen Maggiolino, ultimo atto. Ma in futuro rinascerà elettrico? – FOTO

next