Una cosca criminale nigeriana, ramificata a livello nazionale e incardinata nel quartiere Ballarò a Palermo. La Polizia di Stato, coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia, ha eseguito questa mattina numerosi arresti a carico di cittadini nigeriani nel capoluogo siciliano. Le indagini, condotte dai poliziotti della Squadra Mobile di Palermo, culminate nei provvedimenti restrittivi, in aggiunta agli esiti delle operazioni ‘Black Axe‘ e ‘No fly zone‘, hanno permesso agli investigatori di tracciare una radiografia della mafia nigeriana, radicata ed infiltrata nel tessuto economico, criminale cittadino. La cosca criminale, ‘Cult‘, denominata ‘Viking‘, ben strutturata su tutto il territorio nazionale, avente a Palermo, una base operativa a Ballarò, è caratterizzata da una forte struttura gerarchica, con un importante capacità intimidatoria. Ci sono 8 arresti.

Il reato contestato ai fermati è di associazione a delinquere di stampo mafioso, con la commissione di delitti contro la persona, soprattutto in occasione di scontri con i rivali per il controllo del territorio e la supremazia all’interno della comunità. Le indagini hanno accertato, inoltre, la presenza di numerose case di prostituzione nel centro storico di Palermo, le cosiddette “connection house“, e registrato numerosi episodi di spaccio di stupefacenti. Le indagini si sono avvalse anche della collaborazione di uno dei capi e del suo braccio destro di collaborare con la magistratura e hanno svelato gli equilibri fra le confraternite negli ultimi tre anni. “La cosca dei Viking era ben strutturata su tutto il territorio nazionale, ma aveva a Palermo, nel quartiere di Ballarò, una base operativa – ha affermato Rodolfo Ruperti, capo della Squadra Mobile di Palermo – caratterizzata da una forte struttura gerarchicamente organizzata, con una forte capacità intimidatoria“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedemontana Veneta, “Qui si stacca il fronte, la volta sta cedendo”. Nelle carte le ammissioni sui materiali scadenti

prev
Articolo Successivo

Sciopero Atm giovedì 11 luglio, a Milano metro, tram e bus a rischio: ecco gli orari

next