Ci sono tre fermati a Verona per il presunto tentato omicidio nei confronti di Vasile Todiream, il clochard romeno di 42 anni trovato pestato e bruciato nella notte fra domenica e lunedì presso la stazione di Villafranca. La vittima è attualmente ricoverata in gravissime condizioni presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale scaligero di Borgo Trento. I sospettati sono due italiani e un romeno, tutti senza fissa dimora. I fatti si sarebbero sviluppati in un “ambiente di disagio e difficoltà nell’inserimento sociale” e sono state escluse altre piste, fra le quali quella del movente razzista.. Le indagini sono della squadra mobile della questura e del settore operativo della Polfer di Verona, coordinate dal pm Elvira Vitulli.

Massimo riserbo per ora sull’identità degli indagati. Gli investigatori li hanno interrogati per ore, ma decisive sono state le immagini delle telecamere della zona, per ricostruire l’aggressione al 42enne romeno. Un’aggressione avvenuta per futili motivi, dopo una lite degenerata per l’abuso d’alcol. Il Gip nei prossimi giorni dovrà decidere se confermare o meno il fermo disposto dalla procura.

Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “Grazie alle Forze dell’ordine e agli inquirenti per la rapidità”. E ancora: “Resteranno delusi quelli che pensavano di accusare di razzismo la comunità veronese“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maltempo nelle Marche, la spiaggia di Numana distrutta. Lo sconforto: “Non è rimasto più niente qui”

prev
Articolo Successivo

Roma, minaccia di gettarsi dal Colosseo. I cori delle persone: “Salto, salto”. Poi l’ovazione quando si sfila dai pompieri

next