“Sarò il primo sudafricano nero e il primo africano nero ad andare nello spazio. Quando pensi ai primi, i primi presidenti neri – Barack Obama, Nelson Mandela – solo sapere che il tuo nome sarà scritto con quelle persone è incredibile”. Lo aveva scritto Madla Maseko, il 30enne che sarebbe diventato il primo africano di colore ad andare in orbita. Maseko, però, è morto in un incidente motociclistico prima di riuscire a realizzare il suo sogno: “Voglio sfidare la gravità”, aveva detto.

Maseko, che si faceva chiamare “afronauta“, nel 2014 aveva battuto un milione di concorrenti, insieme ad altri 23 candidati, vincendo un viaggio nello spazio – messo in palio dalla “Axe Apollo Space Academy” – da compiere decollando in una data ancora da stabilire. Nato e cresciuto a Mabopane, una borgata del Sudafrica, in una famiglia povera, il suo primo paio di scarpe lo aveva avuto a sedici anni. Aveva iniziato a sognare il viaggio nello spazio dopo aver visto film come Star Trek, Armageddon e Apollo 13.

“Un africano può sognare di diventare poliziotto o avvocato ma non pilota o astronauta, aveva dichiarato in un’intervista al Guardian. Maseko invece era riuscito a diventato un pilota e caporale nella Difesa nazionale sudafricana. La vincita del concorso per il viaggio nello spazio era diventato un motivo di orgoglio non solo personale: “Il Sudafrica ha fatto molta strada, siamo arrivati ​​a un punto in cui siamo uguali: l’anno prossimo è il ventesimo anniversario della democrazia e quale modo migliore di celebrare se non mandare il primo nero sudafricano nello spazio?”, aveva detto il 30enne, che ha ispirato molti bambini africani a perseguire carriere nel settore scientifico.

Maseko non avrebbe potuto diventare il primo astronauta semplicemente “africano”, e non anche “di colore”, perché un sudafricano bianco, l’imprenditore Mark Shuttleworth, aveva già realizzato il sogno comprando per 12 milioni di sterline un posto su una capsula Soyouz russa e passando otto giorni a bordo di una stazione internazionale nel 2002.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hong Kong, governo: “Legge sull’estradizione è morta”. Manifestanti: “Protestiamo fino al ritiro formale”

prev
Articolo Successivo

Libia, liberi i 350 migranti rinchiusi nel centro di Tajoura. Nella struttura erano morte 53 persone dopo un raid aereo

next