Dopo la condanna di tre giorni fa a sei mesi di reclusione per l’appalto della Piastra di Expo, il sindaco di Milano, Beppe Sala, si è presentato in Consiglio comunale per comunicare la sua posizione sulla vicenda. In un passaggio del discorso, Sala ha risposto in modo duro a chi, nel M5s, ha chiesto le sue dimissioni: “Voi Expo non solo non sareste riusciti a farlo, ma nemmeno sareste riusciti a immaginarlo, a concepirlo”.

“Il Movimento non ha mai chiesto le dimissioni del sindaco” ha replicato Gianluca Corrado, capogruppo a Palazzo Marino del M5s, “ma una cosa ben più seria. Ha chiesto al primo cittadino se un uomo condannato per falso possa avere la serenità necessaria per guidare Milano. Aspettiamo di sapere se rinuncerà alla prescrizione e ci auguriamo che la condanna non sia considerata da qualche parte politica motivo per proporgli nuovi e più prestigiosi incarichi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vitalizi, Cassazione dichiara inammissibile ricorso di ex parlamentare contro tagli. Di Maio: “Via 280 milioni di privilegi”

next
Articolo Successivo

Autonomie, nuovo rinvio. Stefani: “Passi in avanti, ma giovedì testo non andrà in consiglio dei ministri”

next