Piangere per molto tempo quando si perde la persona che si ama. Sarà capitato a molte persone e tra queste c’è anche Paul McCartney: “Penso di aver pianto per circa un anno intero, a intermittenza, dopo la morte di Linda – ha detto l’ex Beatle alla Bbc – . Quando perdi una persona che ami, ti aspetti di vederla entrare nella stanza, perché sei così abituato a lei… Ho pianto davvero tanto ed era quasi imbarazzante, se non fosse che sembrava l’unica cosa da fare”. Sir Paul ha parlato dell’amata Linda in occasione della mostra “The Linda McCartney Retrospective“: una retrospettiva sulla carriera da fotografa della moglie di McCartney, al Kelvingrove Art Gallery and Museum di Glasgow fino al 12 gennaio 2020. Linda è morta nel 1998 per un cancro al seno. Aveva solo 56 anni.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Avicii, il padre parla per la prima volta di lui: “Non credo sia stato un suicidio premeditato”

next
Articolo Successivo

Florijana Ismaili morta affogata nel lago di Como, il messaggio d’addio della fidanzata: “Non so come vivrò senza te”

next