“Non credo all’ipotesi del suicidio premeditato”. In una lunga chiacchierata con la CNN il padre del dj svedese Avicii, che il 20 aprile del 2018 a 28 anni si è tolto la vita a Muscat nell’Oman, ha parlato per la prima volta in pubblico della morte del figlio. “La nostra teoria è che Tim non abbia pianificato il suicidio, ma che sia stato una specie di incidente di percorso”, ha spiegato Klas Bergling convinto che il figlio non si sia mai recato in Oman premeditando di farla finita tagliandosi poi le vene con dei cocci di bottiglia. “Quando si trovava in brutte e difficili situazioni mi chiamava sempre. Abbiamo parlato tanto dei suoi pensieri sulla vita, sull’esistenza, sulla meditazione e sull’amore. Talvolta rimaneva al telefono con me per ore”. Avicii aveva preso una pausa dai suoi tour nel 2016 dopo che nel 2013 aveva raggiunto la fama mondiale con i singoli Wake me up ed Hey brother. Bergling ha poi aggiunto che Tim poco prima del suicidio era sì stanco e stressato dai troppi impegni lavorativi ma che era mentalmente felice. “Quando sei molto felice o estremamente felice, non pensare di essere immune all’infelicità. Ci sono piccole cose che possono farti precipitare nella tristezza o destabilizzare il tuo equilibrio. Penso che per Tim sia andata così”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diletta Leotta, indagato il direttore di Eva 3000 per aver pubblicato le sue foto hard

prev
Articolo Successivo

Paul McCartney: “Quando ho perso Linda ho pianto per un anno intero. Quando perdi la donna che ami è l’unica cosa da fare”

next