Aiutiamoli a casa loro, ma un po’ meno di prima. Nonostante le intenzioni manifestate in campagna elettorale, e non solo, il governo gialloverde non sta utilizzando il principale strumento nelle mani dell’Italia per sostenere l’economia dei paesi d’origine di gran parte dei migranti e su cui si sta giocando una durissima battaglia politica, anche all’interno dell’esecutivo. Si tratta degli Aiuti pubblici allo sviluppo (Aps), l’insieme di risorse da usare in attività e progetti di cooperazione in paesi più arretrati. Secondo gli ultimi dati Ocse, gli aps italiani nel 2018 si sono fermati allo 0,24% del reddito nazionale lordo, con un calo del 21,3% rispetto al 2017, pari a oltre 860 milioni di euro. Il governo, per bocca del vicepremier Luigi di Maio, a maggio aveva dichiarato che l’Italia avrebbe confermato il rispetto dell’impegno dello stanziamento dello 0,30% in rapporto al reddito nazionale lordo entro il 2020. Un traguardo difficile se non impossibile da raggiungere, secondo Oxfam, che lancia il suo allarme nell’ultimo rapporto pubblicato insieme a Openpolis: “È un quadro molto preoccupante che sta riportando indietro la cooperazione italiana di anni e spinge a rivedere al ribasso le stime per il prossimo futuro”, sostiene Francesco Petrelli, responsabile delle politiche di finanza per lo sviluppo di Oxfam Italia. “Siamo di fronte a un calo ancora più drastico rispetto a quello che noi, come molti osservatori, avevamo previsto a gennaio, dopo l’approvazione dell’ultimo Documento di economia e finanza”.

Dopo anni di aumento costante del volume di aiuto pubblico, nel 2017 l’Italia aveva raggiunto lo stanziamento dello 0,30% in rapporto al proprio reddito nazionale lordo, rispettando così l’obiettivo intermedio fissato dall’Ocse e da raggiungere entro il 2020. “Si è trattato di un risultato importante anche se con alcune criticità legate alla composizione dell’aiuto. La sfida, a quel punto, era arrivare al 2020 mantenendo, e possibilmente incrementando, questa quota di aiuto”, spiega Petrelli. Così non è stato, dato che già il governo Gentiloni, nell’ultima Legge di bilancio approvata nel 2017, aveva previsto per il 2018 l’erogazione di 5,02 miliardi di euro, pari allo 0,28%. Ma i dati Ocse raccontano di un calo ulteriore: secondo la rendicontazione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, lo stanziamento italiano in aiuto pubblico l’anno scorso si è fermato a 4,2 miliardi, con una differenza di 867 milioni tra i fondi previsti e quelli effettivamente erogati.

Oltre alle riduzioni dell’aiuto pubblico, Oxfam solleva un interrogativo anche sotto il profilo della destinazione dei fondi: secondo l’organizzazione mancano all’appello 1 miliardo di euro come differenza tra gli importi destinati per il 2018 al Ministero dell’Interno per l’accoglienza dei migranti e quelli rendicontati dall’Ocse. Una discrepanza è fisiologica, dato che si paragonano due aggregati non perfettamente sovrapponibili, ma nel 2018, secondo Oxfam, è stata troppo importante per essere ridotta solo ai diversi modelli di contabilità. Nel 2017 ad esempio, il divario ammontava a poco più di 120 milioni.

E questa differenza non è spiegabile con il drastico calo degli sbarchi sulle coste italiane, perché gli stanziamenti al Viminale per l’accoglienza dei migranti nel 2018 erano comunque ancora molto alti: “Questo senza che i fondi fossero riallocati, ad esempio, ad aiuti alla cooperazione allo sviluppo nei Paesi poveri e di origine dei flussi – continua Petrelli – né tantomeno a un miglioramento dell’accoglienza sul nostro territorio, visti i recenti tagli al sistema che stanno aumentando l’insicurezza per migliaia di richiedenti asilo vulnerabili, fuggiti nel nostro Paese, per trovare scampo a guerre, persecuzioni e miseria, oltre a costare migliaia di posti di lavoro, soprattutto per i tanti giovani impegnati nell’accoglienza”.

La riduzione degli arrivi di richiedenti asilo in Italia quindi avrebbe potuto, paradossalmente, rappresentare un’occasione per aumentare i fondi destinati ai paesi più poveri, ma l’elaborazione di Oxfam e Openpolis dice che così non è stato. Al contrario, secondo il report, l’Italia nel 2018 ha ridotto del 22% gli aiuti ai paesi meno sviluppati (Lcds), come Afghanistan, Bangladesh e Cambogia, ai quali, secondo il programma di azione dell’Ocse, dovremmo riservare una quota compresa tra lo 0,15 e lo 0,20% del nostro reddito nazionale lordo. E il calo maggiore è quello che fa riferimento ai paesi dell’Africa subsahariana: nonostante questa area geografica sia considerata prioritaria nei documenti programmatici della cooperazione italiana, i fondi si sono ridotti del 35,5%. “Quella che ci troviamo di fronte è una contraddizione lampante e assieme tragica – conclude Petrelli – Mentre da un lato si decide di chiudere le frontiere ai migranti, dall’altro si riducono i fondi destinati a rompere il circolo vizioso della povertà e creare sviluppo nei paesi più poveri, da cui molto spesso scappano i tanti disperati che continueranno a tentare di arrivare da noi, anche nei prossimi anni e decenni. Il fenomeno migratorio resta ed è soprattutto un fenomeno epocale, che va governato con politiche serie ed efficaci soprattutto nel medio e lungo periodo”.

Nel frattempo l’Italia è scesa al diciassettesimo posto tra i 29 paesi donatori dell’Ocse per il volume di aiuti stanziati nel 2018, e con un calo del 21,3% è quella che ha tagliato la percentuale di fondi più alta rispetto all’anno precedente. Tra chi ha ridotto le risorse per i paesi meno sviluppati ci sono anche gli Stati Uniti (-5% in termini reali), che sono il primo contributore mondiale in termini di aiuto pubblico allo sviluppo, la Germania (-3%) e il Giappone (-13,4%). Tutto questo ha portato a una contrazione complessiva dei fondi destinati alla cooperazione. E se il calo, nel complesso, è stato limitato è perché alcuni paesi hanno aumentato il proprio investimento in cooperazione, come Gran Bretagna (+1,8%) e Francia (+ 4,4%), rispettivamente terzo e quarto contributore mondiale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti Roma, Giulia Grillo: “Situazione non imputabile a Virginia Raggi, possibile risolvere entro l’estate”

next
Articolo Successivo

Eutanasia, presidio di Cappato e Welby: ‘Basta rinviare la legge. Zingaretti e Di Maio hanno i voti, cosa vogliono fare?’

next