L‘incendio che ha devastato una fabbrica di vernici a Brendola, in provincia di Vicenza, ha fatto schizzare verso l’alto le concentrazioni di benzene. I risultati dei primi campionamenti effettuati da Arpav, in prossimità dei punti di massima ricaduta del fumo e in vicinanza di alcune abitazioni, hanno registrato valori di 120 e 115 microgrammi per metro cubo. Valori certamente molto alti, ma non parametrabili con riferimenti normativi poiché l’unico esistente per il benzene è su media annuale (5 microgrammi al metro cubo).

Le concentrazioni di altre sostanze organiche volatili, invece, non risultano particolarmente significative. I tecnici dell’Agenzia regionale per l’ambiente hanno eseguito un prelievo di microinquinanti organici (diossine, pcb, Ipa) nella vicina Montecchio Maggiore, nei pressi di alcuni impianti sportivi e a un istituto scolastico superiore. I risultati saranno disponibili entro mercoledì

Il Comune di Brendola, su suggerimento di Arpav, ha emanato in via precauzionale un’ordinanza di evacuazione degli edifici nel raggio di 500-600 metri, invitando la cittadinanza a tenere chiuse porte e finestre fino a martedì mattina e a non consumare ortaggi prelevati in loco. Anche alcuni Comuni limitrofi hanno adottato cautelativamente misure di prevenzione vietando le attività all’aperto e consigliando di chiudere porte e finestre se i cittadini dovessero percepire odori di combustione.

Le operazioni di spegnimento delle fiamme sviluppatesi nella Isello Vernici sono proseguite per tutta la notte e nelle prime ore del mattino con l’impiego di 43 vigili del fuoco con 15 automezzi. Le fiamme hanno coinvolto i capannoni dell’azienda per una lunghezza di oltre 250 metri e una larghezza di circa 40, tra l’autostrada A4 Brescia-Padova, riaperta lunedì sera attorno alle 19, e la strada provinciale 500, che per ora rimane chiusa al traffico.

Le segreterie territoriali della Filctem-Cgil, Fedmca -Cisl e Uiltec Uil esprimono “forte preoccupazione”, “vicinanza e solidarietà” a tutti i lavoratori dell’azienda e si dicono “fin da subito disponibili per l’eventuale tavolo di confronto per verificare le ricadute lavorative delle aziende coinvolte e a mettere conseguentemente in campo tutti gli strumenti utili alla tutela dei lavoratori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Emanuela Orlandi, il Vaticano ordina l’apertura di due tombe nel Cimitero Teutonico

next