Fiamme alte decine metri, un tratto della A4 chiuso al traffico e l’invito alla popolazione a tenere le finestre chiuse. Un grosso incendio in una fabbrica di vernici a Brendola, in provincia di Vicenza, sta provocando problemi e apprensioni nella popolazione. Il rogo si è sviluppato nella Isello Vernici: dalla struttura, che si trova lato dell’autostrada A4 Milano-Venezia, nei pressi del casello di Montecchio, le fiamme, alte fino a 20 metri, rischiano di estendersi ad altri ad altri fabbricati. Poco prima dello scoppio dell”incendio, secondo numerosi testimoni, sono state udite alcune esplosioni

Il sindaco di Brendola, Bruno Beltrame, e l’assessore alla Protezione civile della Regione Veneto, Gianpaolo Bottacin, sono intervenuti avvisando la popolazione di restare in casa con le finestre chiuse e di non avvicinarsi all’azienda in fiamme. Sono intervenuti anche i tecnici dell’Arpav, che stanno monitorando la qualità dell’aria. Al lavoro ci sono una ventina di squadre dei vigili del fuoco, provenienti da Vicenza e da altre città della regione, che stanno operando per evitare il propagarsi dell’incendio.

A scopo precauzionale è stata chiusa anche la strada provinciale 500, insieme a molte strade che dal casello della A4 portano al paese vicentino, mentre tutta la zona dell’incendio è stata transennata. Al momento non risultano conseguenze per gli operai o altre persone residenti nell’area. Le fiamme stanno ancora divampando in modo violento e una nuvola di fumo nero che circonda la zona è visibile a chilometri di distanza.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, diffusa la foto segnaletica di Carola Rackete: indagine della questura di Agrigento. Pd attacca: “Salvini chiarisca”

prev
Articolo Successivo

Lettera al ‘fascista’ che augura lo stupro a Carola. La domanda è: perché?

next